fbpx

Bonus auto e moto, firmato il decreto: ecco i finanziamenti e come ottenerli

Firmato ieri sera il nuovo decreto che definisce nel dettaglio i bonus auto e moto: ecco come ottenere gli incentivi e per quali veicoli sono previsti.

Bonus auto e moto

I tanto attesi bonus per l’acquisto di auto e moto sono finalmente arrivati. Nella serata di ieri, il Governo ha firmato il Dpcm che definisce nel dettaglio i nuovi contributi per l’acquisto di nuove vetture (e non solo). Una misura necessaria per sostenere un settore che si sta mostrando in sempre maggiore difficoltà.

Gli incentivi per l’acquisto di nuovi veicoli sono concessi soltanto alle persone fisiche. Una piccola percentuale dei fondi è riservata alle società di car sharing per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi e Plug-in.

Bonus auto e moto: tipi di vetture e finanziamenti

I contributi maggiori sono destinati alle auto elettriche, che garantiscono emissioni comprese tra 0-20 g/km di CO2. Per loro il bonus è di 3.000€ e, in caso di rottamazione, l’incentivo salirà fino a 5.000€. Attenzione, però: le auto non dovranno costare più di 35.000 + IVA. In totale, annualmente, alle elettriche saranno destinati 220 milioni nel 2022, 230 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.

- Advertisement -

Quanto alle Plug-in, ovvero le vetture che rientrano nella fascia 21-60 g/km di CO2, queste riceveranno un contributo di 2.000€ che potrà salire a 4.000€ con la rottamazione. Per poter rientrare nell’aiuto statale, questi modelli non dovranno costare più di 45.000€ + IVA. Annualmente le Plug-in riceveranno un finanziamento pari a 225 milioni nel 2022, 235 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.

Infine, i nuovi incentivi 2022 prevedono un contributo anche per le vetture che rientrano nella fascia 61-135 g/km di CO2. Per questi modelli è previsto un incentivo di 2.000€, ma solo in caso di rottamazione e con un limite di spesa di 35.000€ + IVA. Su questa categoria il Governo ha stanziato 170 milioni nel 2022, 150 milioni nel 2023 e 120 milioni nel 2024.

Ricordati che, affinché la rottamazione rientri nel bonus, l’auto deve essere di una classe inferiore ad Euro 5 e di proprietà da almeno 12 mesi.

Non solo automobili

I 650 milioni di euro stanziati per gli incentivi sui veicoli non sono diretti solo all’acquisto e alla rottamazione di automobili. Rientrano tra le categorie che hanno diritto ai bonus auto e moto anche:

  • veicoli commerciali;
  • ciclomotori e motocicli elettrici o ibridi;
  • ciclomotori e motocicli termici.
Bonus auto e moto - moto elettrica
Moto elettrica

Veicoli commerciali

Per le piccole e le medie imprese sono previste dei contributi per l’acquisto di mezzi commerciali appartenenti alle categorie N1 (autocarri) e N2 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima superiore a 3,5 ma non superiore a 12 tonnellate), che però devono essere esclusivamente elettrici. Per questa categoria l’incentivo viene concesso solo con la rottamazione di un veicolo omologato di una classe inferiore a Euro 4.

La copertura finanziaria totale è di 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024.

I contributi previsti nello specifico sono i seguenti:

4.000€ per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate;

6.000€ per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,49 tonnellate;

12.000€ per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate;

14.000€ per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate.

Ciclomotori e motocicli elettrici o ibridi

Per quanto riguarda l’acquisto di ciclomotori e motocicli elettrici o ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7) sono previsti due classi di incentivi.

Fino a 3.000€ per coprire il 30% del prezzo del veicolo e fino a 4.000€ per coprirne il 40%, solo però in caso di rottamazione di una moto da Euro 0 a Euro 3.

Il tutto grazie a incentivi annuali di 10 milioni nel 2022, 15 milioni nel 2023 e 20 milioni nel 2024.

Ciclomotori e motocicli termici

Per l’acquisto di ciclomotori e motocicli termici nuovi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7), sono previsti uno sconto del venditore del 5% e un contributo statale del 40% del prezzo d’acquisto, fino a 2500€ con rottamazione.

Il finanziamento totale è pari a 10 milioni nel 2022, 5 milioni nel 2023 e 5 milioni nel 2024.

Quando entreranno in vigore i nuovi incentivi? 

Solamente dopo la registrazione della Corte dei conti e la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Potrebbe poi volerci qualche giorno in più per l’adeguamento della piattaforma informatica attraverso la quale le concessionarie possono prenotare i bonus.

Per qualsiasi dubbio, puoi consultare qui il testo completo del decreto. Inoltre, sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico puoi controllare man mano lo stato dei finanziamenti.



Da non perdere

5 1 voto
Valuta l'articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Mostra tutti i commenti

Seguici sui nostri social

358,866FansLike
52,045FollowersFollow
1,810IscrittiIscriviti

Ricevi le offerte in anteprima

- Advertisement -

Novità

0
Facci sapere che cosa ne pensi!x
()
x