fbpx

Prorogato il bonus per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici: come funziona e chi può richiederlo

ll bonus, prorogato dalla Legge di Bilancio 2022, è rivolto a chi realizza un intervento di recupero del patrimonio edilizio ed acquista entro il 31 dicembre 2024 mobili ed elettrodomestici. Ecco come funziona!

Ascolta questo articolo
bonus mobili come funziona

Nella legge di Bilancio 2022 è stato proprogato anche per quest’anno il bonus per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici con un tetto di spesa pari a 8000 euro.

Si tratta di una detrazione Irpef al 50%, richiedibile per le spese sostenute negli anni 2022, 2023 e 2024.

Nella guida aggiornata, appena pubblicata dall’agenzia delle Entrate, viene chiarito come funziona: cosa è cambiato dopo le ultime modifiche apportate al bonus mobili ed elettrodomestici.

Chi può richiedere il bonus?

- Advertisement -

Per avere l’agevolazione è indispensabile realizzare un intervento di recupero del patrimonio edilizio (sia su singole unità immobiliari residenziali sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali) a partire dal 1° gennaio dell’anno precedente a quello dell’acquisto dei mobili e degli elettrodomestici.

Il bonus mobili spetta unicamente al contribuente che usufruisce della detrazione per le spese di intervento di recupero del patrimonio edilizio.

Tieni quindi presente che, nel caso di una famiglia, se le spese per ristrutturare l’immobile sono state sostenute da uno dei coniugi e quelle per l’arredo dall’altro, il bonus non spetta a nessuno dei due.

Al contrario, si ha comunque diritto al bonus mobili in caso di cessione del credito o di sconto in fattura.

Quali sono gli interventi ammessi per poter richiedere il bonus?

Tieni presente, innzanzitutto, che la detrazione spetta anche quando i beni acquistati sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.

La data entro cui si possono acquistare mobili ed elettrodomestici è stata spostata al 31 dicembre 2024. Non è previsto però un limite di tempo dalla fine dei lavori di ristrutturazione entro il quale devono essere acquistati i mobili e gli elettrodomestici.

In sostanza, gli interventi ammessi sono:

  • Manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti.

A tal proposito, ricordati che i lavori di manutenzione ordinaria su singoli appartamenti non danno diritto al bonus, mentre lo danno quelli sulle parti comuni degli edifici residenziali.

  • Ricostruzione o ripristino di un immobile danneggiato da eventi calamitosi, se è stato dichiarato lo stato di emergenza.
  • Restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che entro 18 mesi dal termine dei lavori vendono o assegnano l’immobile.

Quali sono i beni che danno diritto al bonus mobili ed elettrodomestici?

Il bonus è richiedibile sia in caso di acquisto di mobili sia di elettrodomestici nuovi.

Nello specifico, tra i mobili rientrano: letti, armadi, cassettiere, librerie, scrivanie, tavoli, sedie, comodini, divani, poltrone, credenze, materassi e apparecchi di illuminazione (sono invece esclusi porte, pavimentazioni, tende e tendaggi).

Quanto agli elettrodomestici, la detrazione è valida per frigoriferi, congelatori, lavatrici, lavasciuga e asciugatrici, lavastoviglie, apparecchi per la cottura, stufe elettriche, forni a microonde, piastre riscaldanti elettriche, apparecchi elettrici di riscaldamento, radiatori elettrici, ventilatori elettrici e apparecchi per il condizionamento.

Gli elettrodomestici devono rispettare però dei limiti di classe energetica, che non deve essere inferiore:

  • alla classe A per i forni;
  • alla classe E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie;
  • alla classe F per i frigoriferi e i congelatori.

L’acquisto è comunque agevolato per gli elettrodomestici privi di etichetta, a condizione che per essi non ne sia stato ancora previsto l’obbligo.

Tra le spese da portare in detrazione, infine, si possono includere anche quelle di trasporto e di montaggio dei beni acquistati.

La sostituzione della caldaia rientra tra gli interventi di “manutenzione straordinaria” e dunque dà diritto al bonus.

Mentre gli interventi di riqualificazione energetica (come l’installazione di pannelli solari, la sostituzione impianti di climatizzazione invernale, la riqualificazione energetica di edifici esistenti) non danno diritto all’agevolazione.

Come ottenere il bonus mobili ed elettrodomestici?

Per ottenere l’agevolazione è necessario che i pagamenti siano fatti con bonifico o carta di debito o credito. Non è consentito, invece, pagare con assegni bancari, contanti o altri mezzi di pagamento.

La detrazione è ammessa anche se i beni sono acquistati con un finanziamento a rate, a condizione che la società che eroga il finanziamento paghi il corrispettivo con le stesse modalità prima indicate e il contribuente abbia una copia della ricevuta del pagamento. In tal caso, come spiega l’agenzia delle Entrate, l’anno di sostenimento della spesa sarà quello di effettuazione del pagamento da parte della finanziaria.

E se ti stai chiedendo come funziona il bonus per spese di trasporto e montaggio dei beni, sappi che sono valide le medesime modalità di mobili ed elettrodomestici.



Da non perdere

2 COMMENTI

0 0 voti
Valuta l'articolo
Iscriviti
Notificami
guest
2 Commenti
I più vecchi
I più recenti I più votati
Inline Feedbacks
Mostra tutti i commenti
Francesco Lalario
Francesco Lalario
6 giorni fa

A chi bisogna rivolgersi x ricevere il bonus caldaia?

Ciro
Ciro
5 giorni fa

Per acquisti on line su Amazon, come si deve fare?

Seguici sui nostri social

358,866FansLike
52,045FollowersFollow
23,935FollowersFollow

Ricevi le offerte in anteprima

- Advertisement -

Novità

2
0
Facci sapere che cosa ne pensi!x