fbpx

UE: duri controlli antiriciclaggio per tutti i pagamenti in criptovalute

Due Commissioni europee hanno votato a favore di una proposta che punta ad aumentare i controlli sui pagamenti in criptovalute: sopra ai 1.000€ saranno avvisate le autorità.

Ascolta questo articolo
pagamenti in criptovalute

La Commissione per i Problemi Economici e Monetari (ECON) e la Commissione per le Libertà Civili, la Giustizia e gli Affari Interni (LIBE) dell’Unione Europea hanno votato a favore di una proposta che punta a legiferare maggiormente i pagamenti in criptovalute (come bitcoin) nell’area dell’Unione europea.

Secondo le due Commissioni, i trasferimenti di criptovalute dovrebbero essere tracciati e identificati per prevenire l’uso nel riciclaggio di denaro, nel finanziamento del terrorismo e in altri crimini.

Pagamenti in criptovalute: l’UE contro il riciclaggio

La normativa fa parte del nuovo pacchetto antiriciclaggio dell’UE ed è nata dalla mancanza di regole per tracciare i trasferimenti di criptovalute come bitcoin e token di moneta elettronica

- Advertisement -

In particolare, la nuova proposta punta ad ampliare le normative sull’antiriciclaggio a cui sono sottoposti i mezzi di pagamento convenzionali anche ai trasferimenti di denaro in criptovalute.

Secondo la proposta, tutti i pagamenti in criptovalute, senza alcuna soglia minima, dovranno essere sottoposti alla raccolta e alla verifica delle informazioni sui destinatari.

Considerata la velocità e la natura virtuale, le transazioni in criptovalute eludono facilmente le esistenti regole basate su delle soglie minime di trasferimento

Comunicato ufficiale

La proposta nello specifico

Per quanto riguarda la verifica dei dati, questa sarà a carico dell’exchange, ossia la piattaforma che permette di scambiare criptovalute. Sarà suo ruolo controllare i dati anche delle persone destinatarie di un trasferimento di criptovalute che non sono suoi clienti.

Questi controlli coinvolgerebbero, inoltre, anche i portafogli non custoditi. Si tratta di quei portafogli di criptovalute non ospitati da un exchange, ma gestiti da un privato.

Tali regole non saranno invece applicate nei trasferimenti di criptovalute fra privati effettuati senza un fornitore di servizi come intermediario.

pagamenti in criptovalute - proposta
Pagamenti in criptovalute

Inoltre, ogni volta che una persona riceve più di 1.000€ da un portafogli non custodito, il trasferimento di denaro verrà automaticamente notificato alle autorità. Il motivo? L’Unione Europea considererà pagamenti superiori a 1.000€ come potenzialmente legati ad attività di riciclaggio del denaro, perciò verranno segnalati alle forze dell’ordine.

Infine, si intende dare mandato all’Autorità Bancaria Europea (EBA) per creare “un registro pubblico delle aziende e dei servizi coinvolti nelle criptovalute che abbiano un elevato rischio di riciclare denaro, finanziarie il terrorismo e altre attività criminali”.

Non l’ha presa molto bene Brian Armstrong, fondatore di Coinbase, che su Twitter ha definito la proposta “anti-innovazione, anti-privacy e anti-forze dell’ordine”.

La proposta ancora deve essere votata in Parlamento e il testo potrà ancora subire modifiche.



Da non perdere

0 0 voti
Valuta l'articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Mostra tutti i commenti

Seguici sui nostri social

358,866FansLike
52,045FollowersFollow
23,935FollowersFollow

Ricevi le offerte in anteprima

- Advertisement -

Novità

0
Facci sapere che cosa ne pensi!x