fbpx

Vuoi cambiare auto? Le nuove hanno tempi d’attesa lunghissimi e le usate non si trovano!

Non è il momento migliore per cambiare auto: prezzi alle stelle e tempi d'attesa lunghissimi per le nuove e forte carenza delle usate.

Ascolta questo articolo
cambiare auto

Se hai in programma di cambiare auto, ti conviene aspettare: non hai affatto scelto il momento migliore. Perché? Le macchine nuove hanno subito un notevole incremento dei prezzi. Ma non è l’unico problema: da quando effettui l’ordine alla consegna effetiva possono passare anche 6 mesi.

L’impatto maggiore, però, si avverte sul mercato dell’usato: se devi aspettare mesi prima di vedere la nuova auto, di certo non lasci la vecchia. Così mancano all’appello circa 300.000 macchine usate. Quando scendono le quantità, si alzano i prezzi sul mercato.

-60% di macchine rispetto al triennio 2017/2019

Il Centro Studi Fleet&Mobility ha raccolta i dati dei primi nove mesi dell’anno del panel di InterAutoNews su un campione di concessionarie.

Dall’analisi ne è uscito che lo stock medio è di 33 auto, il 60% meno rispetto alla media del triennio 2017/19, quando ogni dealer aveva in media 83 auto usate in offerta. Data la grande richiesta, se prima i tempi di giacenza erano di 69 giorni, adesso in un mese e mezzo vanno via: un terzo in meno. Il magazzino, che girava poco più di 5 volte, adesso ruota quasi 8 volte in un anno.

Nonostante il rinnovo maggiore dello stock, imputabile solo alla mancanza di prodotto, si rileva comunque un crollo nelle vendite del 40% rispetto al triennio pre-Covid, in un mercato totale in calo sì, ma dell’11%.

In sostanza, sono le reti ufficiali a subire la vera mancanza di prodotto, perché nell’usato il loro modello di business è ancora troppo dipendente dalle permute.

I prezzi delle auto lievitano

Vendere meno macchine non significa necessariamente fare meno soldi. Il prezzo medio dell’usato indicato dai concessionari per il 2022 è di quasi 12.400 euro, una volta e mezzo quello di prima, che stava sugli 8.400 euro. Questi valori porterebbero i ricavi medi sui 3,2 milioni a dealer, solo il 13% meno del triennio 2017/19.

Dunque è inevitabile chiedersi: per quanto tempo ancora i prezzi rimarranno così alti?

Visto che l’industria non ha intenzione, né le capacità, di aumentare la produzione, è probabile che l’offerta di usato starà ancora a lungo sotto i livelli pre-Covid. Dunque, le quotazioni resteranno alte fino a quando i clienti rallenteranno il ciclo di acquisto, abbassando la domanda ai livelli dell’offerta e i prezzi potranno quindi calmierarsi.



Da non perdere

0 0 voti
Valuta l'articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Mostra tutti i commenti

Seguici sui nostri social

358,866FansLike
52,045FollowersFollow
23,935FollowersFollow

Ricevi le offerte in anteprima

Novità

0
Facci sapere che cosa ne pensi!x